Qualcomm ha confermato oggi di aver ricevuto la sentenza della Commissione Europea relativa a un accordo scaduto tra Qualcomm e Apple Inc. sui prezzi dei modem chip, in vigore dal 2011 al 2016.

La Commissione Europea sostiene che alcune clausole di questo accordo abbiano violato la legge sull’Antitrust dell’Unione Europea e ha inflitto una sanzione di 997.439.000 milioni di euro (circa 1,23 miliardi di dollari). Qualcomm si dichiara fermamente contraria alla sentenza e ha espresso l’intenzione di appellarsi al Tribunale dell’Unione Europea. La sentenza della Commissione Europea non riguarda il business delle concessioni di licenze commerciali di Qualcomm e non ha incidenza sulle attività in corso.

“Siamo certi che l’accordo non violasse le norme antitrust dell’Unione Europea né pregiudicasse il mercato né danneggiasse i consumatori europei” ha dichiarato Don Rosenberg, executive vice president e general counsel di Qualcomm. “Crediamo che ci siano gli estremi per un riesame del caso e inizieremo subito l’iter dell’appello.”